Canottieri Esperia, una storia lunga 125 anni


TORINO, 13 febbraio 2011 - La D’Inverno sul Po è il fiore all’occhiello della Canottieri Esperia, società oggi presieduta da Raimondo Cecchi e in vita dal 30 maggio 1886. Occorre riavvolgere il nastro e ritornare alla fine estate del 1885: per la precisione, il 31 agosto, e la riunione di alcuni gentiluomini nella Birreria della Borsa. Si promuove in quell’occasione la “ginnastica per il canottaggio”.

La sede attuale è un progetto di Enrico Boncicelli, architetto che la disegna nel 1926 brindando poi all’inaugurazione il 2 dicembre 1928 insieme al principe ereditario Umberto di Savoia. Gradevole palazzino con nitido impianto del suo volume di tono  sobriamente mondano: molto più club che attrezzatura sportiva molto più country che urbana”.

Il ventaglio dell’offerta sportiva è ampio: canottaggio, canoa (velocità, discesa fluviale, dragon-boat, turismo), tennis, bridge e fitness. Ogni anno la Canottieri Esperia organizza “Estate Ragazzi”, attività di intrattenimento e sporti rivolto ai giovani dai 5 ai 14 anni. Non solo le tradizionali attività annuali, anche calcetto, pallavolo, nuoto, rugby e ping-pong. Sport, giochi, visite naturalistiche ed educative.

Dal 1982 la Società Canottieri Esperia-Torino organizza la regata internazionale di gran fondo “D’Inverno sul Po”. La cornice dei parchi torinesi, tra la collina e il centro storico, diventa il punto di interesse e cuore del canottaggio: gara a cronometro con partenza degli equipaggi ogni 20 secondi, la distanza è di 6000 metri in favore di corrente con partenza dall’isola di Moncalieri e arrivo davanti alla Società. Nata da un’idea del presidente onorario FIC Gian Antonio Romanini (foto a lato). Il target iniziale è sicuramente più locale. “Simboleggiava, dopo mesi di palestra nella cattiva stagione, il ritorno dei canottieri alle competizioni sul fiume - ha ricordato proprio lo storico dirigente torinese in un’intervista a Romano Sirotto (La Stampa)  - ed era un tentativo per far tornare in città atleti da tutto il mondo dopo che le regate nazionali e internazionali erano state riservate solo a bacini di gara regolari”. Adesso il figlio Roberto, responsabile dello staff tecnico dell’Esperia, porta avanti questa manifestazione con lo stesso entusiasmo del padre. “Per noi è sempre la festa del canottaggio e il fatto che ogni anno a Torino arrivino sempre più canottieri con le loro famiglie è segno che apprezzano lo spirito con cui lavoriamo”. La centoventicinquenne Canottieri Esperia guarda avanti con ottimismo, a maggior ragione dopo il successo della 28° edizione della D’Inverno sul Po e le 1800 presenze gare (oltre 300 stranieri)  in due giorni.



 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.