Per la Canottieri "Firenze" cinque medaglie alla Gran Fondo di Roma


FIRENZE, 12 dicembre 2011 - Una giornata grigia ma fortunatamente priva di vento e pioggia ha accolto la Società Canottieri “Firenze” a Roma, dove sulle acque del Tevere antistanti il circolo della Canottieri Tevere Remo (per altro gemellato con il club remiero fiorentino) è andata in scena l’ultima tappa della Coppa Italia di Gran Fondo.

Lungo i sei chilometri del percorso il Direttore Tecnico biancorosso Luigi De Lucia ha proposto comunque equipaggi, in gran parte misti con altre società, formati nell’ottica del 2012. I risultati non sono mancati, a cominciare dai successi ottenuti dall’otto Ragazzi e da quello Junior femminile.

Nel primo caso è stata particolarmente fruttuosa la collaborazione con la Canottieri Limite, che ha contribuito alla formazione dell’ammiraglia vincente con tre atleti ed il timoniere. Neri Muccini, Matteo Pola, Guido Scalini, Lapo Corenich e Alessandro Calabrese assieme ai limitesi (Achille Grimaldi, Matteo Borghi, Alessio Pezzotti e il timoniere Pietro Salvadori) sono stati protagonisti di una gara ben condotta dal primo all’ultimo metro, vinta con un minuto secco sul Napoli e oltre uno e mezzo sui romani del Tirrenia Todaro.

Convincente anche la vittoria dell’otto Junior femminile che vedeva sopra le biancorosse Beatrice Arcangiolini e Sofia Ferrara (oltre alla timoniera Elisa Muccini), accompagnate da altre atlete come loro azzurre nel 2011: le sorelle della Canottieri Palermo Giorgia e Serena Lo Bue (campionesse mondiali Junior sul due senza femminile), Sandra Celoni della Cavallini Calcinaia (campionessa d’Europa e quarta sul quattro senza femminile ai Mondiali Junior in barca proprio con Beatrice), Greta Masserano del CUS Torino, Ludovica Lucidi della Tevere Remo (anche lei ai Mondiali Junior sul quattro con Beatrice) e Silvia Terrazzi dell’Arno Pisa (oro e bronzo alla Coupe de la Jeunesse sul quattro senza con Sofia). L’otto rosa di Arcangiolini e Ferrara ha vinto l’oro con cinquantadue secondi di margine sul misto Armida Torino/Lario Como/CUS Torino, e si propone così agli occhi dei responsabili del settore azzurro come una barca sulla quale magari lavorare per la prossima stagione.

La “Firenze” conquista anche due argenti, per i quali non c’è molto da rammaricarsi dal momento che in entrambi i casi hanno vinto due equipaggi romani, che dunque conoscono a menadito curve e correnti del percorso.

Il primo dei due secondi posti è quello del quattro di coppia Junior femminile: le fiorentine Lucrezia Fossi ed Elisa Muccini, con Giorgia Campioni e Rebecca Corsoni della Canottieri San Miniato sono seconde alle spalle del misto Tirrenia Todaro/Varese (terza, staccata di un secondo e mezzo, l’Aniene). Il secondo è dell’otto Junior che i biancorossi Pietro Zileri, Guido Giordano, Niccolò Ramella, Lorenzo Pietra Caprina ed il timoniere Dario Favilli hanno formato ancora una volta con i limitesi Matteo e Tommaso Borsini, Sasha Puccioni e Giulio Francalacci: qui la vittoria va all’Aniene, mentre il bronzo finisce al collo della Tevere Remo.

Di entrambe le gare stupisce l’alta competitività: sia il quadruplo femminile che l’otto arrivano a tredici secondi dai primi, mentre nel primo caso le terze finiscono a meno di un secondo e mezzo, e nel secondo a tre secondi e mezzo. Distacchi minimi se si pensa alla lunghezza del percorso.

Da segnalare infine l’unico bronzo della gara vinto dalla Canottieri, con il quattro di coppia Cadetti di Leonardo Pietra Caprina, Arturo Pallanti, Andrea Ferrara e Clemente Fanini, dietro la Moto Guzzi di Mandello del Lario e la Limite (anche qui gara tiratissima: i primi tre in appena nove secondi, fiorentini a tre dall’argento), e il quarto posto sull’otto Senior di Andrea Marcaccini, Bernardo Nannini, Edoardo Gattai, Lorenzo Fossi ed il timoniere Leonardo Sarti, nel misto con Simone Angeloni della Tevere Remo, David Corti e Matteo Meucci della Limite e Jeff Mannozzi del Saturnia di Trieste. L’ammiraglia ha gareggiato in una regata dal sapore particolare: la vittoria è andata all’equipaggio olandese già qualificatosi per i Giochi Olimpici di Londra 2012, che ha primeggiato sul secondo equipaggio dell’Olanda e sul gruppo sportivo delle Fiamme Gialle.

Ora i ragazzi della Canottieri “Firenze” tornano agli allenamenti, il prossimo appuntamento è per il 22 gennaio, quando la Gran Fondo Nazionale sul canale dei Navicelli a Pisa aprirà il 2012 del circolo del Ponte Vecchio.


 
Niccolò Bagnoli - Ufficio Stampa Società Canottieri “Firenze” -
 
  

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.