Reale Circolo Canottieri Tevere Remo: l'antefatto storico


ROMA, 09 dicembre 2011 - L'ultimo appuntamento della stagione 2011 del Gran Fondo si svolge a Roma ed è organizzato, in collaborazione con il Comitato Regionale Lazio, dal Reale Circolo Canottieri Tevere Remo. Tratto dal sito ufficiale, vi proponiamo l'antefatto storico relativo alla fondazione del Circolo.

"La Società Ginnastica dei Canottieri del Tevere - oggi Reale Circolo Canottieri Tevere Remo - nacque formalmente il 1° gennaio 1872. Le sue radici tuttavia affondano in tempi più lontani. I fondatori, Guglielmo Grant e Guglielmo Serny, avevano infatti dato vita, nel 1867, alla Società Gin­nastica Serny dedita anche al canottaggio. Un certificato di adesione del benemerito socio Pio Barucci datato 1871 e l'autorizzazione del Comune di Roma a costruire la Sede Sociale nell'area ove tuttora insiste, in riconoscimento dei meriti acquisiti, prestando soccorso con le proprie barche alla popolazione romana colpita dalla grande alluvione del 1870, inducono a spostare indietro l'anno della effettiva fondazione del Sodalizio. La Società, che introdusse per prima in Roma la ginnastica e il canottaggio, ebbe chiara vocazione risorgimentale, tanto da ricevere, dopo l'annessione di Roma al Regno d'Italia, alti riconoscimenti dalla Casa Reale Sabauda e dalle massime autorità del governo. Tra questi riconoscimenti figura l'adesione, sin dalla fon­dazione in qualità di soci onorari, del Principe Tommaso di Savoia Duca di Genova, fratello della futura Regina Margherita, del Ministro della Marina del tempo ammira­glio Benedetto Brin e del Sindaco della Capitale. Prima della costituzione del Reale Yacht Club Italiano (RYCI) nel 1879 alla quale il Circolo partecipò diretta­mente, la Società Ginnastica dei Canottieri del Tevere installò una base velica a Palo Laziale, nella tenuta del Principe Ladislao Odescalchi fondatore della cittadina di Ladispoli e secondo Presidente, dopo Guglielmo Grant, del Sodali­zio. Nel 1912, con la fusione con il Circolo del Remo, la base venne trasferita ad Anzio ove tuttora è in piena attivi­tà. Il Circolo ha una lunga storia nel campo del canottaggio e della vela agonistici e molti sono i titoli, le medaglie e i trofei conquistati sin dal lontano 1875; molti di essi fanno bella mostra nella Palazzina della Sede Sociale. Mettono inoltre in evidenza il prestigio guadagnato nello sport dal Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, la Stella d'Oro e il Collare d'Oro al merito sportivo, massime ono­rificenze del CONI, di cui è stato insignito".
 

Denominazione nel tempo del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo

1867
SOCIETA' GINNASTICA SERNY

1872
SOCIETA' GINNASTICA DEI CANOTTIERI DEL TEVERE

1883
REALE CLUB DEI CANOTTIERI DEL TEVERE


1912
REALE CLUB DEI CANOTTIERI DEL TEVERE E DEL CIRCOLO DEL REMO


1929
REALE CIRCOLO CANOTTIERI TEVERE REMO


1967
CIRCOLO CANOTTIERI TEVERE REMO


1994
REALE CIRCOLO CANOTTIERI TEVERE REMO
 

Alcune fonti e taluni avvenimenti lasciano intendere che la costituzione di fatto della Società dei Canottieri del Tevere sia avvenuta prima della sua formale fondazione fatta risalire al 1872 e che la stessa sia da identificare nella Società Ginnastica Serny nel cui ambito nacque l'attività remiera romana per iniziativa di Guglielmo Serny, spentosi in giovane età, e di Guglielmo Grant. Le varie denominazioni si devono alla presenza del titolo "Reale" e alla fusione con il Circolo del Remo

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.