Piediluco: Under 23 gara per gara


PIEDILUCO, 11 giugno 2010 - Per qualcuno la mente è già oltre al Tricolore di Piediluco, già ai Mondiali di Brest (22-25 luglio) oppure, addirittura, alla terza e ultima prova di Coppa del Mondo di Lucerna (9-11 luglio). Ma il Campionato Under 23 è importante per chi aspira a convincere i CT Baldacci e Verdonkschot di meritare una chance per gli obiettivi internazionali.

Nel singolo maschile i favoriti d’obbligo sono Ustolin (Saturnia) e Zona (Lavoratori Terni) essendosi spartiti i successi nella prima gara nazionale e nelle due giornate del Memorial D’Aloja. Il canottiere triestino è reduce dalla prova di Coppa del Mondo di Bled. Occhio anche a Francesco Cardaioli, campione italiano in carica tra gli Junior con i colori della Canottieri Padova. In campo femminile Calabrese (Gavirate), Bertolasi (Varese) e Colombo (Tritium) sono le principali indiziate di successo.

Capitolo due con. Solo citando i nomi il Posillipo fa paura: Infimo e Insidioso (timoniere) insieme al cuore amalfitano Addabbo. Rivalità partenopee con il CRV Italia dei medagliati Juniores Bianco e Vicino (tim. Spaguolo) ma anche la Canottieri Firenze (Gattai, Nannini, tim. Sarti) vuol metterci naso.

E’ Bianco-Volpe (CRV  Italia) per il due senza, Nannini sale in barca con Marcaccini ma principali candidati al titolo sono Capelli e Palmisano (Aniene). Palma-Novelli (Sisport Fiat) vogliono dedicare il primo successo al loro grande allenatore Bebo Carando.

Nel doppio, invece, inedita coppia Calamaro-Ponti (Napoli) si scontra con Gavirate (Peretti-Papa) e Murcarolo (Jovanovic-Perino). Che piacere rivedere insieme Trivella e Ferrarini (Viareggio), una punta di soddisfazione per chi le vide la prima volta insieme al Festival dei Giovani 2004 di Pra’.

Quattro con? Fiamme Gialle (Fossi, Miccoli, Landi, Paonessa, tim. Calvanese), Saturnia ( Panteca, Covassin, Baldini, Esopi, tim. Tassan) e Sisport Fiat (Alberti, Boris e Silviu Ivanov, Vigo, tim. Saluta) si faranno la guerra in acqua. I finanzieri saranno in gara anche nel quattro senza dove di frone avranno Lario (Casetti, Corti, Stradella, Wurzel). Moltrasio (Zerboni, Tabacco, Magnaghi, Alladio) e Sisport Fiat (Novelli, Palma, Morone, Basadonna) per la sfida femminile.

Gavirate vuole prendersi il quattro di coppia: a Papa e Peretti si aggiungono i PL Buzzi e Micheletti. Tra le donne solletica l’attenzione il Saturnia (Gaggi Slokar, Pizzamus, Biondi, Ferrarese) insieme a Tritium (Camulla e Lavinia Gambogi, Francesca e Giada Colombo) ma non dimenticate di puntare le vostre lire sulla Gavirate (Calabrese, Torsellini, Stanges, Roncari).

L’otto merita un capitolo a sé. Saturnia, Posillipo, Aniene e Stabia sono tutte e quattro equipaggi di grande valore.

Pesi leggeri. Bene, bene c’è Boccuni (Elpis) in singolo a lottare con Cereda (Tritium) e Gorgoglione (Barion). Trivella (Viareggio) e Pollini (Cernobbio) si scambieranno cortesie tra le donne.

Nel due senza la Moto Guzzi cala gli assi Pinca e Nicoletti, nel doppio Marina Militare (Babboni, Amarante) contro Gavirate (Buzzi, Micheletti). Su Facebook si leggono “tuffi al cuore” per le compagne d’azzurro di Valeria Franzin (bentornata!) per l’Esperia in doppio con Sara Brescia ma le amiche Noseda e Longatti (Lario) vogliono sportivamente guastar la festa.

Interessante la gara del quattro senza dove Saturnia (Milos, Nessi, Panteca, Sferza), Cerea (Gravina, Ricchiardi, Bertolino, Mazzoli) e ovviamente Moto Guzzi (Pinca, Nicoletti, De Santo, Greppi) aspirano a una domenica di gloria.

Con Perali e De Piccoli, Amarante e Babboni paiono aver trovato la quadra anche per vincere il quattro di coppia? Chi lo sa, quel che è certo è che con Lavoratori Terni (Mulas, Di Deodato, Tordoni, Pacelli) e Nettuno (Zacchigna, Deluca, Zobec, Covri) i conti vanno fatti sino alla fine.

Non c’è più Armando Dell’Aquila tra gli under 23 dopo tre titoli mondiali consecutivi e uno assoluto? Ci consoleremo con il sorriso della sorella Adele, in gara con Flugy Papè, Morone e De Magistris nel quattro di coppia femminile. Un riferimento in chiusura che ci aiuta a ricordare che il canottaggio è spesso una questione di famiglia!

 
Nelle immagini
: Pinca e Nicoletti; Leonardo Boccuni

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.