Fabrizio Macchi, Lo sport oltre il limite

GAVIRATE, 01 maggio 2010 - Nel 1982 Fabrizio è un bambino come tanti. Vive la sua infanzia a Varese, tra giochi, amici e sport. Finché, a tredici anni, un ginocchio comincia a far male: è un tumore osseo che lo porta a un calvario ospedaliero estenuante, segnato da 17 operazioni chirurgiche e 20 cicli di chemioterapia.

A sedici anni sceglie di farsi amputare la gamba, per smettere di soffrire e tornare libero. La nuova vita al principio non è facile. L’handicap, i pregiudizi, le difficoltà sembrano ostacoli insormontabili. Finché Fabrizio capisce che per avere il meglio, occorre puntare al meglio. Non accontentandosi di una vita normale: vuole una vita straordinaria e una vita straordinaria avrà.

Macchi conquisterà un bronzo ad Atene 2004, quattro terzi posti e due argenti mondiali prima di coronare il suo grande sogno: titolo mondiale a Mendrisio 2009 nella prova a cronometro.

Marco racconta la sua vita nel corso del Work Shop “AAMS Riabilita lo sport”, di cui è testimonial insieme ai fratelli Abbagnale. Vincere con una sola gamba non è impossibile per lui che è un campione nel ciclismo paralimpico e in passato ha remato con la Canottieri Gavirate.
 

Scorrono immagini dei successi sportivi e in famiglia (Fabrizio è marito e papà felice), delle interviste in TV. “Non conta ciò che hai perso ma ciò che hai dentro”. Pubblico senza parole, è l’applauso di tutti a scaturire la vicinanza a un atleta che bene rappresenta l’Italia a livello internazionale. Oggi Fabrizio cura anche una rubrica su Sky dedicata a tutti gli sport paralimpici: riprese e commento delle gara internazionale di Adaptive Rowing andranno presto in onda nel suo programma.


 

Prossime Regate

  • Casale Monferrato - 20/01/2019
    Campionato Piemonte Indoor Rowing
    RISULTATI GARE
  • Olbia - 20/01/2019
    Regata Regionale Fondo Remiamo in Gallura
  • Pisa Navicelli - 26-27/01/2019
    Campionato Italiano di Gran Fondo e Regata Nazionale di Gran Fondo

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.