Una vittoria tutta rosa per il Tirrenia Todaro


Intervista a Silvia De Matteis, Giulia Domini Janni, Clara Pandolfi ed Elisa Pandolfi, vincitrici nel quattro di coppia junior femminile alla seconda Regata Nazionale di Fondo. Le loro impressioni sulla gara, le difficoltà durante il periodo preparatorio e la soddisfazione dell’allenatore e dei numerosi soci del Tirrenia Todaro, accorsi al Salaria Sport Village per sostenere i loro atleti in gara.

Di Claudia Franceschi

ROMA, 06 dicembre 2009 - “Non speravamo di riuscire ad ottenere un risultato così rilevante” confessano Silvia De Matteis,
Giulia Domini Janni, Clara Pandolfi ed Elisa Pandolfi, medaglia d’oro nel quattro di coppia junior femminile alla seconda Regata Nazionale di Fondo. “Quando ci hanno comunicato che avevamo conquistato la prima posizione, quasi non riuscivo a crederci” afferma Clara, “ci siamo preparate con grande impegno e, alla fine, abbiamo raggiunto l’obiettivo desiderato. Ne siamo veramente molto felici”.
É evidente la gioia negli occhi di Elisa, che aggiunge, alle parole della sorella: “è solamente un anno che pratico questo sport, quindi, vincere la prima gara importante, oltretutto a livello nazionale, rappresentava un’illusione”. Invece, illusione non è!
Si cancellano, così, le numerose tensioni e preoccupazioni che hanno attanagliato le atlete durate tutto il periodo preparatorio: “insieme ci eravamo allenate poco. Pensavo che questo fattore avrebbe, in qualche modo, rappresentato un ostacolo”, asserisce Silvia, “la nostra preparazione è stata, inoltre, interrotta da una pausa dovuta al fatto che dovevo prepararmi per la gara in singolo di Varese”.
Ulteriore fonte di tensione, anche il pensiero di dover competere contro un equipaggio sicuramente insidioso: “Le nostre avversarie venivano da Firenze,” sottolinea Giulia “ciò significa che l’equipaggio era sicuramente preparato, altrimenti non avrebbero mai affrontato una trasferta sino a Roma”. Fortunatamente a calmare gli animi c’era l’ottimismo di Silvia: “ho iniziato a credere nella possibilità di ottenere un buon piazzamento nel momento in cui ho scoperto che quello avversario era un equipaggio misto.
Raramente tale tipo di equipaggio riesce a superare la preparazione di uno societario, a meno che non ci si riesca ad allenare insieme tutti i giorni. In caso contrario, preparando la barca giusto nei tre giorni precedenti alla gara, i problemi sono numerosi e tra questi insorge anche la possibilità di dover far fronte a vari cambiamenti nella formazione che possono avvenire anche il giorno stesso della gara”. L’impegno comunque premia sempre, come sottolinea Giulia, che confessa: “ Credo sia stato un risultato giusto, ce lo siamo meritato.”
Le quattro ragazze del Tirrenia Todaro hanno regalato emozioni e tanta soddisfazione ai numerosi soci del circolo che erano lì, al Salaria Sport Village, per sostenerle ed acclamarle
“ Per noi è importante, siamo orgogliose della maglia che indossiamo e vincere significa anche ricompensare la nostra società”. Ma non solo, grande gioia anche per il loro allenatore, Emilio Trevini. “Emilio, in genere, non è una persona che ama sbilanciarsi. Nonostante ciò, ci è sembrato soddisfatto. Infatti, vederlo sorridente, dopo la gara, è sicuramente un segnale positivo.
Crediamo che si sia reso conto che, da parte nostra, c’è stata la massima serietà ed il massimo impegno, non solo in gara, ma anche durante la preparazione. In tutta la regata, i suoi insegnamenti ci sono stati utilissimi, abbiamo affrontato il percorso tenendo ben a mente ogni sua parola ed ogni suo appunto, per cercare di migliorare soprattutto la tecnica di voga.
Tant’è vero, che, in gara, ci è sembrato che la barca avesse un movimento ancora più fluido rispetto agli allenamenti. Forse, in parte, ciò era dovuto, anche, al fatto che il tratto di fiume in cui ci alleniamo non è tra i più facili, a causa delle correnti . Tale problema, qui al Circolo Canottieri Salaria, non sussiste, grazie alla diga”.
Una giornata importante per Silvia, Giulia, Elisa e Clara, che deve rappresentare un trampolino di lancio verso il futuro e verso risultati ancora più ambiti: “tra i prossimi progetti ci sono i meeting e le gare regionali.”
Conclude Giulia: “ancora non sappiamo se continueremo con il quattro di coppia, in quanto Silvia, già dalla prossima settimana, sarà impegnata con il singolo, in quanto è stata convocata al raduno nazionale junior. Ma tale decisione deve ancora essere presa dal nostro allenatore”.



 

 
   
   
   

 

         

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.